FacebookTwitter

Esp-Fenomeni Paranormali

Il film che voglio recensire oggi è Esp - Fenomeni Paranormali, del 2011, diretto dai Vicious Brothers.

E' il classico film di fantasmi, stile “Rec”, “Paranormal activity” ed il notissimo pioniere del genere “The Blair Witch Project” in cui le riprese sono amatoriali e ti sembra di sembra di essere partecipe agli eventi insieme agli attori.

E' un film ambientato in un manicomio abbandonato, ove accadono eventi strani.

Parla di una troupe di ragazzi che gira un programma serale di successo su fenomeni paranormali e case infestate chiamato “Esp-fenomeni paranormali”. La nuova puntata decidono di girarla nel vecchio manicomio abbandonato Collingwood Psychiatric Hospital, teatro di fenomeni inspiegabili, dove lavorava un neurologo, il dr Friedkin, colpevole di aver fatto esperimenti sui malati usati come cavie, ucciso poi dalle sue stesse vittime, riuscite a fuggire dalle loro stanze. La troupe è composta da quattro persone, ai quali si unisce un falso medium. Gli avvenimenti vanno in ordine decrescente... si passa da una finestra che si chiude da sola ad apparizioni reali di un' ectoplasma. A circa metà film uno dei quattro sparisce e viene ritrovato alla fine con addosso un camice bianco. Poi, mentre i due rimanenti pensano a bloccare una porta, il maschio, divenuto nel frattempo pazzo, si butta giù dalla tromba dell’ascensore, morendo sul colpo. Il primo a morire è il medium, che si perde nell'ospedale e mentre cammina nei corridoi viene alzato e poi sbattuto contro il soffitto, poi l'entità lo fa cadere a terra, uccidendolo. Poi è il turno dell’asiatico (indiano credo) che si avvicina ad una vasca prima vuota, poi piena fino all'orlo di sangue dalla quale fuoriesce una creatura che lo trascina nella vasca. I due superstiti poi rovesciano la vasca, ma del ragazzo non c'è traccia. Ma prima di queste morti i ragazzi hanno anche tentato di scappare: prima sfondano la porta d'entrata, però dietro vi trovano un altro corridoio, poi tentano di salire sul tetto, ma c'è un muro che ostruisce loro la strada. Alla fine il conduttore e la ragazza si perdono nei sotterranei. Mentre dormono, la ragazza sparisce e l'uomo, in preda al panico, si mette pure a mangiare i topi per la troppa fame. Quando tutto sembra finito, il ragazzo trova una porta, che lo conduce nello studio di uno scienziato pazzo. Il conduttore, stupito, comincia a cercare l'uscita, ma si ritrova davanti questo scienziato che lo attacca e gli fa una lobotomia. Le ultime parole del ragazzo morente sono: “Ci vediamo alla prossima puntata, qui è tutto da Esp- Fenomeni paranormali...” poi partono i titoli di coda.

Bel film, ricco di supence e dispensatore di brividi. Dopo i primi 20 minuti, tutte le scene assumono un tono cupo e pauroso.Il fatto che il film sia girato completamente in prima persona aumenta progressivamente lo stato di tensione. Gli effetti speciali sono ok, anche la recitazione non è male. Devo dire che mi è piaciuto più questo di “Paranormal Activity”.

 

poster-esp-2

Maria Cristina Detoni per Francesco Berliavaz, Trieste (Italy)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

facebook.com/francesco.berliavaz

facebook.com/FrancescoBerliavazHorrorFanClub

MaluWeb