FacebookTwitter

Drag Me to Hell

Film del 2009 diretto dal grande Sam Raimi.
Ha ricevuto il Saturn Awards come Miglior Film Horror. Film che nonostante qualche debolezza riesce a trattenere lo spettatore fino al bellissimo finale.
Caratteristica di Raimi, come si vede nella trilogia de “La casa”, è lo splatter, che in questo film non si presenta sotto forma di sangue, bensì come vomito e altri liquidi raccapriccianti. Scena molto schifosa quella dove la vecchia antagonista morta vomita un liquido verde in bocca alla protagonista, che ingurgita tutto.
Film con effetti speciali ben fatti e trama interessante, molte scene che fanno paura, ed altrettante che fanno sorridere.

 

Trama

Christine Brow vuole essere promossa vicedirettore in una banca, e per questo vuole dimostrare al capo di essere dura e inamovibile con i clienti. Un brutto giorno arriva alla banca Sylvia Ganush, una vecchietta che non ha i soldi per pagare il mutuo della casa, e per questo decisa ad ottenere una terza proroga. Però Christine rifiuta, e dopo che la vecchia la implora in ginocchio, Christine la spinge a terra umiliandola. A questo punto ci si rende conto che la scelta della nostra protagonista non sia stata quella giusta.
Christina successivamente, nel garage della banca, viene aggredita dalla Ganush, che le lancerà una maledizione attraverso un bottone del giaccone prima di andarsene. Christine successivamente va da un veggente per farsi predire il futuro, e questo le dirà che ha attirato la Lamia, uno spirito maligno invocato dagli zingari. Il veggente le spiega che se non si dovesse liberare del bottone, dopo tre giorni la Lamia verrà a prenderla per portarla all’Inferno e per mangiarle l’anima. Allora Christine, disposta a tutto, insieme al veggente andrà da una medium che in passato aveva già incontrato la Lamia. Durante la seduta spiritica, vengono posseduti sia la medium, sia il suo aiutante, che quasi uccide Christine (in queste scene riconosciamo Sam raini e i suoi deliri). Un intervento della medium salverà la situazione. Il veggente successivamente spiegherà che Christina può regalare il bottone a qualcun altro per liberarsi della maledizione e di passarla ad un altro.
Allora lo regalerà proprio alla defunta Ganush. Sembra essere tutto finito, ma il finale per niente scontato regalerà un’ultima emozione allo spettatore.

 

drag-me-to-hell2

 

 

Maria Cristina Detoni per Francesco Berliavaz, Trieste (Italy)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

facebook.com/francesco.berliavaz

facebook.com/FrancescoBerliavazHorrorFanClub

MaluWeb